blog

Tre Merli a Genova

In Ristoranti, Viaggi on 24 agosto 2012 at 11:41 pm

Mi ritrovo il 20 agosto a dovere andare a Genova per un cliente particolarmente interessato ad iniziare a discutere gli aspetti fiscali di un’operazione di M&A e che mi da appuntamento in aeroporto alle 11.00.

La prima conseguenza di ciò è che sono l’unico in tutto l’aereo ad indossare giacca e cravatta e che quando arrivo in aeroporto vengo immediatamente riconosciuto ed intercettato dal cliente (che non avevo mai visto prima) in ragione del mio strambo abbigliamento.

La riunione dura relativamente poco. Dopo circa un’ora sono libero di rientrare a Roma. L’unico problema è che il volo successivo è in serata e che il treno per Roma ci mette un’infinità di tempo che mi scoraggia dal tentare l’impresa.

Non mi resta che andare in centro a Genova per trascorrere qualche ora in quella meravigliosa città.

Mi faccio portare in Via Garibaldi (tra le vie più eleganti che io conosca). Chiedo al tassista per un ristorante da quelle parti e mi indirizza al Gaia.

Arrivato in via Garibaldi inizio a camminare cercando il Gaia ma il ristorante è chiuso … peccato. In effetti, ad agosto non è facile trovare qualcosa aperto. Mi addentro nei vicoli con tutto il corredo di varietà umana che vi si può trovare. Risalendo da uno di questi trovo un bel ristorante dall’aria accogliente.

Non c’è nessuno in sala, ma non mi affido al vecchio rimedio di evitare i locali senza clienti (c’è poca gente in giro ed è un po’ presto per il pranzo).

Il ristorante si chiama I Tre Merli. Il titolare del ristorante è molto cortese mi fa scegliere un tavolo, ricaricare il cellulare e mi porge il menu. Controllo una locandina del ristorante e qualcosa mi sembra familiare. Controllo meglio e mi accorgo che I Tre Merli è della stessa proprietà di un ristorante di New York al quale forniamo il vino: Barolo.

Ne parlo con il titolare (l’architetto Marco Secondo) e lui mi dice di ricordare la nostra cantina e di sapere che sono nostri clienti a New York (nel ristorante Barolo di New York c’è suo fratello Paolo).

Mi affido a lui per il menu del pranzo. Ero partito volendo mangiare una sola cosa ma alla fine vado per una full immersion nella cucina genovese: cappon magro, ravioli di pesce, latte dolce (bevendo una Bianchetta del Tigullio ed un Gavi di Gavi). Pranzo davvero buono ed interessantissimo ascoltare Marco Secondo che racconta l’origine dei piatti.

Dopo pranzo faccio due passi nel centro storico di Genova (ho davanti a me ancora diverse ore prima di rientrare a Roma).

Il fascino e la bellezza di questa città sono intatti anche ad agosto e nonostante siamo abbondantemente sopra i 30 gradi. Ho fatto qualche foto ed in zona porto sono andato a fare una capatina da Eataly, il tempo non mi manca.

  1. Thanks Briciolanellatte!

  2. Tre merli, ristorante storico nel village. Era super frequentato nei momenti d oro. Tavolate piene di modelle famose o che sarebbero diventate famose… Paolo era in grazia di dio, e si mangiava molto bene…..good Times for sure.

  3. Grazie del commento Gerard. Sarebbe bello riuscire ad andarci insieme a NY prossimamente. Io ci sarò agli inizi di ottobre …

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: